Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Rutigliano

Chiedevano il 'pizzo' ad imprenditori agricoli: due arresti nel Barese

Operazione dei carabinieri: i malviventi avrebbero avvicinato i malcapitati che però non avrebbero ceduto alla richiesta di pagare 20mila euro per evitare danneggiamenti ai loro vigneti

I carabinieri del Comando provinciale di Bari hanno arrestato, in provincia, un sorvegliato speciale 40enne di Rutigliano, Nicola Gagliardi e Antonio Nitti, 37enne di Noicattaro: entrambi dovranno rispondere di tentata estorsione aggravata, poiché accusati di aver imposto il pizzo ad imprenditori agricoli della zona, minacciando anche di danneggiare i loro vigneti tagliando tiranti e tralci di vite, assoldando anche un 'intermediario' per convincerli a pagare. Gagliardi, accusato anche di violazione degli obblighi imposti, è finito in carcere mentre Nitti è ai domiciliari. Coinvolto anche un 38enne incensurato di Rutigliano, amico di una delle vittime, ritenuto 'intermediario': il Tribunale di Bari ha disposto nei suoi confronti l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

I militari contestano 2 episodi: nel primo un imprenditore sarebbe stato contattato ben 9 volte, con tono intimidatorio, per chiedergli di pagare 20mila euro. Dopo diversi rifiuti due suoi vigneti vennero danneggiati in altrettante distinte occasioni. L'estorsore, vedendo la ferma volontà dell'agricoltore di non cedere, avrebbe quindi assoldato un amico della vittima per ottenere i soldi. Il secondo imprenditore, invece, ha denunciato subito le tentate estorsioni, non subendo danni alle coltivazioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiedevano il 'pizzo' ad imprenditori agricoli: due arresti nel Barese

BariToday è in caricamento