Cronaca

San Nicola tra fede e tradizione, la città si prepara alla festa del 6 dicembre

All'alba la fiaccolata nicolaiana e la prima Messa in onore del Santo in Basilica. Nel tardo pomeriggio la processione per le strade del borgo antico, poi lo spettacolo pirotecnico

La Basilica di San Nicola all'alba del 6 dicembre

Per i baresi è la data che segna, simbolicamente, l'inizio dei preparativi per le festività natalizie. Il giorno della "Fèsta granne" (festa grande), più intima e familiare della Sagra Maggio, della sveglia all'alba per la Messa in Basilica, e dei primi profumi del Natale per le stradine del borgo antico. Nel giorno in cui la Chiesa festeggia il nome di San Nicola, vescovo e Santo di Myra, Bari si prepara ancora una volta a vivere una giornata intensa, all'insegna delle tradizioni e della devozione per il Santo Patrono.

LA MESSA IN BASILICA, TRA FEDE E TRADIZIONE - Il primo appuntamento del 6 dicembre, per baresi e pellegrini, è la Messa in onore del Santo. Tradizione vuole che ci si svegli all'alba, per partecipare alla prima celebrazione eucaristica, alle cinque, ma le Messe verranno celebrate ogni ora, per tutta la giornata.

Altro rito della devozione popolare è quello che vede le fanciulle affidarsi all'intercessione del Santo per trovare marito. Fino a qualche anno fa, l'usanza era quella di far girare le giovani in età da marito intorno alla 'colonna miracolosa'  che è conservata nella cripta della Basilica. Usanza negata da quando la colonna, per problemi di stabilità, è stata ingabbiata, e al tradizionale 'giro' è subentrata l'abitudine di affidare le proprie richieste al Santo a bigliettini che vengono depositati ai piedi della colonna.

Ma ai riti della fede domani si intrecciano anche quelli della tradizione. Dopo la Messa delle 5, è d'obbligo la colazione con cioccolata calda e savoiardi nei bar del borgo antico. E dopo la colazione, via libera a “fecàzze, sgaggliòzze e popìzze” da acquistare e consumare per le stradine di Bari vecchia.

LA FIACCOLATA NICOLAIANA - Ma all'alba sul sagrato della Basilica si ritrovano anche i partecipanti alla Fiaccolata Nicolaiana, la marcia organizzata ogni anno dal circolo Acli - Dalfino, dall'associazione "Road Runners" e dall'associazione "Quelli della Pineta". Due le fiaccolate previste, una da largo 2 Giugno e l'altra dalla Pineta S. Francesco, che si ricongiungeranno alle ore 5,45 in Piazza Massari, da dove poi il corteo raggiungerà la Basilica. Ci sarà prima un momento di preghiera e dopo tutti sotto l'Arco delle Meraviglie, dove saranno distribuita ai partecipanti della Fiaccolata cioccolata calda e savoiardi.

IL NICOLINO D'ORO - Altro appuntamento del 6 dicembre è la cerimonia di consegna del premio "Nicolino d'oro", organizzato dall'associazione Acli Dalfino e giunto quest'anno alla XVI edizione. La manifestazione, che vede il riconoscimento assegnato a sei cittadini baresi che si sono prodigati a tutela della citta, si terrà alle ore 10.30 presso l'aula consiliare del Palazzo della Provincia.

LA PROCESSIONE PER LE VIE DEL BORGO ANTICO - La giornata di celebrazioni continuerà poi nel pomeriggio. Alle 17.30, sempre nella Basilica, ci sarà la messa solenne presieduta da monsignor Francesco Cacucci, mentre alle ore 18.45 ci sarà la consegna della chiave della Città a San Nicola da parte del sindaco Emiliano. Alle 19 partirà la processione con la statua del Santo per le strade di Bari vecchia.

LO SPETTACOLO PIROTECNICO - A chiudere la giornata di festa sarà il tradizionale spettacolo pirotecnico, curato dalla ditta Bartolomeo Bruscella di Modugno e offerto da BancaApuliam, che avrà inizio alle 21.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Nicola tra fede e tradizione, la città si prepara alla festa del 6 dicembre

BariToday è in caricamento