Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Inchiesta Kentron, arrestato l'imprenditore Francesco Ritella

Ai domiciliari la sua collaboratrice Carmela Sisto. I due sono accusati della bancarotta fraudolenta della Ilcam spa. Sequestrati beni e quote societarie per 13 milioni di euro

Sono stati arrestati questa mattina dalla Guardia di Finanza di Bari l'imprenditore Francesco Ritella (condotto in carcere) e la sua collaboratrice Carmela Sisto (ai domiciliari). I due sono accusati di aver provocato la bancarotta fraudolenta, anche impropria, della società Ilcam (Industria lavorazione carni meridionale spa). Con lo stesso provvedimento il gip del Tribunale di Bari ha disposto anche il sequestro di quote sociali della Court Estate srl per circa 4 milioni di euro e il sequestro preventivo di beni per oltre 8 milioni e mezzo di euro.

LE INDAGINI SUL CRAC ILCAM- La richiesta è arrivata a termine di una complessa attività di indagine, condotta anche attraverso l'acquisizione di documentazione contabile e bancaria, che avrebbe permesso di accertare, si legge in una nota della Procura, "la preordinata attività di spoliazione del patrimonio aziendale di I.L.C.A.M. - Industria Lavorazioni Carni Meridionali spa - società formalmente amministrata da Sisto Carmela, ma di fatto gestita da Ritella Francesco - eseguita a partire dall'anno 2002 e protrattasi ininterrottamente almeno fino all'anno 2006, mediante numerosi e sistematici prelievi di denaro dai conti correnti - in contante o con assegni bancari, ammontanti complessivamente ad euro 25.174.010 - non giustificati da alcuna causale economico-commerciale, che costituiscono condotte di trafugamento e/o diminuizione fraudolenta dell'attivo". Tali somme, stando alla ricostruzione accusatoria, sarebbero state conferite in massima parte in Kentron srlu, società con sede in Putignano gestita di fatto da Ritella, attraverso la controllante/socio unico Court Estate, "società -spiega ancora la nota della Procura - costituita nel 2002, partecipata fino al mese di luglio 2006 dalla Sisto e attualmente amministrata da Loparco Leonardo ma di fatto gestita ancora di fatto dallo stesso Ritella Francesco".

"SVUOTATE LE CASSE DELLA KENTRON" - Sempre nella giornata odierna, i militari eseguito una seconda ordinanza, relativa ad un altro procedimento penale che riguarda il presunto svuotamento delle casse della società Kentron di Putignano e che ha portato all'interdizione di cinque indagati, tra cui lo stesso Francesco Ritella. In questo caso i reati contestati sono di appropriazione indebita e omesso versamento delle imposte e dell'Iva,  e oggi i militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, su disposizione del gip, hanno eseguito anche un sequestro preventivo di beni per 4 milioni di euro. Questo provvedimento, oltre che a Ritella e Sisto, è stato notificato ad altre quattro persone, tra amministratori e soci della Kentron. Nell'ambito di questa indagine, ad aprile, era stato già eseguito un altro sequestro di beni per 8 milioni di euro nei confronti della società.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Kentron, arrestato l'imprenditore Francesco Ritella

BariToday è in caricamento