Villa bunker, auto di lusso e terreni: sequestrati beni per un milione a pregiudicato di Molfetta

Sigilli al patrimonio di un 39enne, considerato dagli investigatori il 're' della ricettazione e della contraffazione nella cittadina del nord barese

La villa sequestrata dalla Finanza

Beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per almeno un milione di euro, riconducibili ad un molfettese, G.F., 39 anni, sono stati sequestrati per la successiva confisca dalla Guardia di Finanza. Il sequestro è arrivato al termine di indagini patrimoniali, coordinate dal Procuratore della Repubblica Aggiunto presso il Tribunale di Trani, Francesco Giannella, su provvedimento emesso dalla locale Sezione Misure di Prevenzione.

Il 39enne, pur dichiarando un reddito pari a circa 100, aveva la disponibilità di una sontuosa villa con piscina, di numerosi conti correnti bancari e di diverse auto, anche di grossa cilindrata, qualcuna intestata a terze persone, con le quali girava indisturbato per Molfetta, dove era considerato il "Re" della ricettazione e della contraffazione.

VIDEO: LA VILLA SEQUESTRATA DAI FINANZIERI

L'uomo aveva a suo carico numerose condanne, tanto da essere ritenuto socialmente pericoloso. In particolare, era sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di dimora nel Comune di residenza; era stato condannato con sentenze definitive per aver commesso reati legati a contraffazione e ricettazione e indagato per reati di associazione per delinquere e ricettazione.

Come accertato dagli investigatori, nonostante il basso reddito dichiarato, nella sua abitazione non si faceva mancare mobili d’epoca e tecnologia Hi-FI all’avanguardia. Tramite la moglie, aveva acquistato a Terlizzi un fabbricato con annesso terreno agricolo che, negli anni, aveva trasformato in una  villa “bunker”, ristrutturata in stile 'palladiano', dotata di un sofisticato impianto di videosorveglianza controllabile a distanza, con all’ingresso due leoni in pietra, quasi a simboleggiare la sua posizione di dominio, soprattutto negli ambienti criminali di Molfetta e di Terlizzi.

Tra i beni sottoposti a sequestro, oltre alla villa, un terreno agricolo, 3 autovetture (di cui 2 intestate alla moglie 35enne ed una al nipote 22enne), 4 rapporti bancari e beni mobili di valore rinvenuti all’interno dell’abitazione. Il patrimonio sequestrato, in assenza di adeguate fonti economiche, è stato ritenuto frutto di attività illecite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, seggi aperti: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento