menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente raccolta differenziata, multati locali sul lungomare

Sanzioni da 100 euro per tre attività in largo Giordano Bruno. Dal contenuto delle buste abbandonate accanto ai cassonetti, ispettori Amiu e Municipale sono riusciti a risalire ai responsabili

Negozianti e gestori di locali 'indisciplinati' nel mirino di ispettori Amiu e Polizia municipale. Questa mattina, alcuni esercenti sono stati multati per mancata differenziata ed errato conferimento dei rifiuti.

In particolare, durante un controllo nella zona di largo Giordano Bruno sul lungomare Di Crollalanza, i vigili hanno rinvenuto, nei pressi dei cassonetti, diversi sacchi di grandi dimensioni abbandonati al lato del marciapiede. Gli ispettori dell’Amiu, su indicazione dell'assessore all'Ambiente, hanno quindi ispezionato il contenuto delle buste, riuscendo così a risalire alle attività commerciali che avevano abbandonato i sacchi della spazzatura senza preoccuparsi di differenziare i rifiuti. Due locali che si affacciano su largo Giordano Bruno, oltre a una paninoteca ambulante, sono stati sanzionati ciascuno con una multa di 100 euro per mancata differenziata.

VIDEO - DECARO: "CI COSTRINGERETE A SANZIONARVI CON LA CHIUSURA"

Durante il sopralluogo di questa mattina è stato inoltre sanzionato per 100 euro il titolare di un’altra attività commerciale sorpreso ad abbandonare imballaggi di cartone nei pressi del cassonetto, senza averli schiacciati e fuori dall'orario consentito, come pure un cittadino colto a conferire i rifiuti fuori orario.

“Il lungomare, soprattutto nella stagione estiva, è un crocevia di turisti e cittadini che lo popolano tutto il giorno - dichiara Petruzzelli -, in particolar modo nelle ore serali, quando, nella zona della movida, centinaia di ragazze e ragazzi affollano le piazze i locali. Proprio a quest’ultimi, che godono di una posizione privilegiata per le loro attività, chiediamo a maggior ragione  di rispettare le regole. I gestori di questi stessi locali sono i primi a segnalare all’amministrazione comunale la sporcizia degli spazi pubblici, richiedendo interventi di  manutenzione ed è per questo che oggi l’abbandono selvaggio di quei rifiuti appare come uno sfregio alla città. Ci piacerebbe che i cittadini cominciassero a scegliere i locali da frequentare anche in base ai comportamenti che tengono i loro gestori e al rispetto che hanno della città, perché una città pulita e accogliente passa anche da queste azioni. Nei prossimi giorni in controlli sulle zone della movida, tra il lungomare e Bari vecchia, si concentreranno maggiormente sulle attività commerciali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento