Tribunale di via Nazariantz inagibile: udienza rinviata per Berlusconi e Lavitola

Oggi era prevista la decisione del giudice sulla richiesta di rinvio a giudizio, ma alla luce dell'emergenza Palagiustizia, l'udienza è stata rinviata come previsto. Si terrà il 16 novembre

Arriva anche il primo rinvio di udienza 'eccellente' causato dall'emergenza Palagiustizia a Bari. Questa mattina, come previsto, è stata rinviata l'udienza del processo a Berlusconi e Lavitola, che come le altre senza detenuti, avrebbe dovuto tenersi nella tendopoli di via Nazariantz, ed è perciò slittata.

Oggi avrebbe dovuto tenersi la lettura del dispositivo, cioè la decisione del giudice sulla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Bari quattro anni fa.

All'udienza ha partecipato Lavitola, l'ex direttore dell'Avanti, ignaro del rinvio. Secondo l'accusa, Berlusconi avrebbe fornito a Tarantini, attraverso Lavitola, un lavoro e centinaia di migliaia di euro, perché mentisse ai pm baresi che indagavano sulle escort portate nelle residenze estive dell'ex premier fra il 2008 e il 2009 e sui suoi interessi in Finmeccanica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • A Santa Caterina apre il nuovo Parco Commerciale: dal 28 febbraio l'inaugurazione dei primi maxi store

Torna su
BariToday è in caricamento