Tribunale di via Nazariantz inagibile: udienza rinviata per Berlusconi e Lavitola

Oggi era prevista la decisione del giudice sulla richiesta di rinvio a giudizio, ma alla luce dell'emergenza Palagiustizia, l'udienza è stata rinviata come previsto. Si terrà il 16 novembre

Arriva anche il primo rinvio di udienza 'eccellente' causato dall'emergenza Palagiustizia a Bari. Questa mattina, come previsto, è stata rinviata l'udienza del processo a Berlusconi e Lavitola, che come le altre senza detenuti, avrebbe dovuto tenersi nella tendopoli di via Nazariantz, ed è perciò slittata.

Oggi avrebbe dovuto tenersi la lettura del dispositivo, cioè la decisione del giudice sulla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Bari quattro anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'udienza ha partecipato Lavitola, l'ex direttore dell'Avanti, ignaro del rinvio. Secondo l'accusa, Berlusconi avrebbe fornito a Tarantini, attraverso Lavitola, un lavoro e centinaia di migliaia di euro, perché mentisse ai pm baresi che indagavano sulle escort portate nelle residenze estive dell'ex premier fra il 2008 e il 2009 e sui suoi interessi in Finmeccanica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm già oggi? Per fermare il contagio covid in arrivo il coprifuoco alle 22

  • Formiche volanti: come scongiurare l'invasione in casa

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • Donna trovata senza vita a Bari: morta dissanguata, in casa c'erano compagno e figlia

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento