rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Triggiano

"Cinquanta euro per un voto" alle comunali di Triggiano: perquisizioni per il sindaco Donatelli e il marito dell'assessora regionale Maurodinoia

Le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla Procura di Bari, riguardano una presunta compravendita di voti alle ultime elezioni Comunali del 3 e 4 ottobre 2021 nel comune alle porte del capoluogo pugliese. L'esponente politica non risulta indagata

Circa 50 carabinieri hanno, dalle prime ore della mattina, perquisizioni a Triggiano nell'ambito di un'inchiesta, della Procura della Repubblica di Bari, su una presunta compravendita di voti alle ultime elezioni Comunali del 3 e 4 ottobre 2021 nel comune alle porte del capoluogo pugliese. 

Tra le persone sottoposte a perquisizione domiciliare anche Antonio Donatelli, sindaco rieletto poche settimane fa, i consiglieri comunali Angela Napolitano e Antonio Fortunato, nonché Alessandro Cataldo, marito dell'assessora regionale ai Trasporti Anita Maurodinoia (che non risulta indagata), Cataldo è ritenuto dagli inquirenti il "deus ex machina" del presunto "sistema" per "comprare voti" che sarebbe stato messo in atto in occasione delle ultime elezioni.

Le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla Procura barese, riguarderebbero un ipotetico meccanismo che avrebbe canalizzato il voto di diversi elettori, previo pagamenti di denaro, verso alcuni candidati. Una rete di 'gregari' avrebbe individuato e contattato alcuni cittadini triggianesi per proporre 50 euro a testa in cambio del loro voto. Nel corso dell'attività investigativa, lo scorso 6 ottobre, in un cassonetto della raccolta indifferenziata di una zona isolata di San Giorgio, sono stati rinvenuti, come spiega la Procura in una nota, "frammenti di fotocopie relativea documenti d’identità e codici fiscali di cittadini triggianesi, manoscritti parimenti riportanti il nome di persone e i loro recapiti, documentazione personale di Sandro Cataldo e di Anna Maurodinoia", nonché numerosi cartelloni, fac-simile di schede e volantini di propaganda elettorale con riferimento alle Comunali triggianesi e che avrebbe fatto riferimento a candidati delle liste 'Triggiano al Centro' e 'Con Donatelli sindaco'.

In una nota inviata in redazione, il gruppo consiliare 'Con Emiliano' precisa che "la lista presente alle scorse elezioni amministrative “Con Donatelli” del Comune di Triggiano è stata formata su iniziativa del Sindaco Antonio Donatelli, alla stregua di una lista civica. L’iniziale autorizzazione all’uso del simbolo era stata in seguito revocata, a causa del mancato accordo col Partito Democratico".

*Ultimo aggiornamento 10/12/21

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cinquanta euro per un voto" alle comunali di Triggiano: perquisizioni per il sindaco Donatelli e il marito dell'assessora regionale Maurodinoia

BariToday è in caricamento