rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Economia

Edifici e infrastrutture 'intelligenti' per città più verdi e vivibili: Bari nel progetto europeo

A Granada il meeting del piano Positive Energy CITY Transformation Framework che coinvolge 46 partner da 13 Paesi. Al centro la nuova concezione dei 'distretti energetici positivi'

Combinare la nuova concezione di “distretti energetici positivi” (gruppi di edifici che gestiscono attivamente i consumi e i flussi energetici generati) con la flessibilità della rete energetica, la mobilità elettrica, le tecnologie ITC e le strategie di coinvolgimento dei cittadini. È in corso in questi giorni a Granada il meeting del progetto POCITYF (Positive Energy CITY Transformation Framework), finanziato dal programma HORIZON 2020 per oltre 22 milioni di euro, che vede anche la partecipazione della città di Bari.

Grazie al progetto, le città coinvolte sono al lavoro sullo sviluppo di soluzioni innovative per edifici e distretti, soluzioni “peer to peer” di gestione e stoccaggio dell'energia per la flessibilità della rete, integrazione della mobilità elettrica nella rete intelligente e nella pianificazione urbana, innovazione guidata dai cittadini nella co-creazione di soluzioni per città intelligenti.

POCITYF intende aggiungere quindi livelli di “intelligenza” alle infrastrutture, alle tecnologie e ai servizi chiave delle città, creando nuove possibilità per rendere le città più sicure, più ecologiche e più rispondenti alle esigenze dei loro cittadini, imprese e organizzazioni per trasformare i centri storici in luoghi più efficienti, sani e sostenibili attraverso la sperimentazione di “distretti energetici positivi”.

L'assessore ai Lavori pubblici e Mobilità sostenibile del Comune di Bari e alcuni tecnici dell'azienda partner Energy@Work stanno partecipando in queste ore al meeting di Granada per raccontare agli altri partner i progetti in corso nella città di Bari all'insegna dell’efficientamento energetico, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle pratiche partecipative nell'ottica della smart cities.

POCITYF è guidato dal Portogallo con 46 partner provenienti da 13 Paesi. Bari è  una delle 8 città che dal 2019 aderisce al progetto insieme a Évora (Portogallo), Alkmaar (Olanda), Hvidovre (Danimarca), Celje (Slovenia), Granada (Spagna), Ioannina (Grecia) e Ujpest (Ungheria).

La città di Bari continua a lavorare sul suo Replication Plan, che contiene l’indicazione degli obiettivi da raggiungere nei prossimi anni per rendere il capoluogo pugliese una smart city implementando le tecnologie, con l'intento di organizzare un evento in autunno per far conoscere il progetto POCITYF.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edifici e infrastrutture 'intelligenti' per città più verdi e vivibili: Bari nel progetto europeo

BariToday è in caricamento