Martedì, 27 Luglio 2021
Sport

Calcioscommesse: per Salernitana-Bari rischia anche Iunco

L'attaccante brindisino, arrivato a Bari quest'estate, è uno dei ventidue giocatori indagati per la presunta combine relativa a Salernitana-Bari del maggio 2009

Potrebbe avere ripercussioni più gravi del previsto sul Bari attuale il nuovo filone d'inchiesta sul calcioscommesse: come emerso ieri, infatti, la partita Salernitana-Bari di maggio 2009 sarebbe stata combinata con i biancorossi, già promossi in serie A, che avrebbero accettato denaro per perdere il match visto che i campani avevano necessità di punti utili per raggiungere l'obiettivo salvezza.

All'epoca, fra le fila della Salernitana militava Antimo Iunco, giocatore che da quest'estate è diventato uno dei punti fermi dell'attuale Bari di Vincenzo Torrente. Ebbene Iunco pare essere finito, assieme a tutti gli altri ventuno tesserati scesi in campo in quella gara, nell'elenco degli indagati. Per il Bari, quindi, i guai sembrano non finire mai: per il club biancorosso, infatti, potrebbe riaffacciarsi l'incubo di una nuova penalizzazione per responsabilità oggettiva, oltre che eventuali guai per i propri tesserati come, ad esempio, già accaduto per De Falco, squalificato fino a dicembre.

A dare un barlume di speranza in tal senso, però, ci ha pensato l'avvocato Gironda, legale che ha già difeso il club biancorosso nella prima inchiesta sul calcioscommesse. Secondo Gironda, infatti, in caso fosse effettivamente riscontrata una nuova responsabilità oggettiva a carico del club di via Torrebella, per questa dovrebbe valere il principio della continuità secondo il quale questo nuovo filone d'inchiesta dovrebbe accorparsi al precedente e, quindi, per i galletti il rischio di nuove penalizzazioni sarebbe ridotto al massimo ad un solo ulteriore punto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcioscommesse: per Salernitana-Bari rischia anche Iunco

BariToday è in caricamento