Giovedì, 29 Luglio 2021
Sport

ESCLUSIVA - Ristovski: "Il mio sogno? Arrivare ai playoff col Bari"

Dopo la presentazione della nuova rosa 2012-13 del Bari avvenuta in mattinata, abbiamo ascoltato uno dei nuovi arrivi in casa biancorossa, il difensore Stefan Ristovski.

Cinque dei sei nuovi acquisti del Bari presentati in mattinata

Qualche mese fa è salito all'onore delle cronache per aver messo la museruola ad un certo Cristiano Ronaldo. Era il 26 maggio scorso quando Stefan Ristovski, terzino destro macedone di soli vent'anni, alla sua seconda presenza con la nazionale maggiore, limitò per novanta minuti CR7 e Fabio Coentrao. A distanza di meno di due mesi dall'indimenticabile partita di Leiria, il giovane Stefan approda a Bari per quella che potrebbe essere la stagione della consacrazione nel nostro calcio: in Italia dal 2010, anno in cui il Parma lo prelevò dal Vardar, Ristovski ha giocato con continuità nel nostro paese solo negli ultimi sei mesi della scorsa stagione quando diventò uno dei punti fermi del Frosinone in Lega Pro. Ora per lui, dopo la negativa esperienza a Crotone, le porte della serie B si riaprono grazie al Bari e Stefan vuole dimostrare che in questa categoria può essere protagonista. A margine della presentazione della rosa dei galletti avvenuta in mattinata(nella foto da sinistra i nuovi acquisti biancorossi Ristovski, Pena, Sciaudone, Sanà, Fedato e Sabelli) lo abbiamo avvicinato per conoscerlo meglio. E lui dimostra che, nonostante la giovane età, la personalità non gli manca di certo: 

"L'anno scorso ho fatto bene a Frosinone - esordisce il terzino macedone - e quest'anno voglio riconfermarmi anche in serie B con il Bari: per questo sono arrivato. Bari è una grande piazza nella quale c'è l'ambiente giusto per valorizzare un giovane come me".

Qualche settimana fa Francesco Palmieri(responsabile del settore giovanile del Parma, n.d.r.) in un'intervista ha detto che sembri un “piccolo Javier Zanetti”...

(Ride, n.d.r.) "Lui ha detto questo? Io lo ringrazio molto: quando sono arrivato a Parma è stato il primo che mi ha aiutato e dato fiducia. In quel momento arrivavo da un'altra nazione e lui mi ha sempre tranquillizzato. Spero di ripagarlo in qualche modo e di fare bene".

E' vero che lui ti ha paragonato a un leader e a un giocatore affermatissimo come Zanetti però tu ci hai messo del tuo: nonostante i soli venti anni, hai fermato con la maglia della nazionale un certo Cristiano Ronaldo...

"Ho giocato tutta la partita contro il Portogallo e ho fatto una grande gara. Alla fine dei novanta minuti non ci credevo che avevo giocato così bene contro Ronaldo e Coentrao. Di questo devo ringraziare anche il mister(a farlo giocare  contro i lusitani fu il gallese Toshack, n.d.r.) che prima della partita mi disse solo di giocare tranquillo. Alla fine, poi, mi ha fatto i complimenti".

L'anno scorso, prima di andare a Frosinone, hai giocato poco a Crotone e non sei riuscito a trovare continuità. Per quali motivi?

"All'inizio della stagione ho avuto problemi con alcuni documenti e quindi non potevo giocare. Sono andato a Parma un paio di settimane per risolvere questi problemi e, dopo averli risolti, sono tornato a Crotone. A quel punto, però, il mister aveva deciso già di non farmi giocare e dopo due mesi che stavo in tribuna ho detto a lui e alla società che volevo giocare perché sono giovane. Per fortuna a gennaio sono andato al Frosinone e lì è andata bene".

Pensi che questa stagione al Bari possa essere una sorta di trampolino di lancio, magari per la serie A? Il Parma ti ha ceduto mantenendo il diritto di controriscatto, segno di come loro credano in te per il futuro.

"Sicuramente il Parma potrebbe riscattarmi in futuro e sarebbe un'ottima cosa ma può succedere di tutto: se Bari mi piacerà come piazza e come società, anche questa potrebbe una buonissima soluzione. Fino a due anni fa la squadra giocava in serie A per cui per me è una grande responsabilità e un grande piacere giocare qui. Una cosa la dico certamente: se il Bari dovesse salire in serie A, rimango al cento percento".

Quali sono le tue ambizioni e obiettivi personali per la prossima stagione e che tipo di campionato credi possa fare il Bari?

"Non conosco ancora bene tutti ma siamo una squadra giovane che darà il massimo. Mi piace molto il fatto che la squadra è composta di tanti giocatori di ventuno o ventidue anni perchè abbiamo tanta voglia di metterci in mostra accanto ai giocatori più grandi di qualche anno che già conoscono la categoria. Il mio sogno è quello di arrivare ai playoff perchè ritengo il Bari una grande squadra".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ESCLUSIVA - Ristovski: "Il mio sogno? Arrivare ai playoff col Bari"

BariToday è in caricamento