Sport

Trattative Matarrese-Montemurro, sul ponte di corso Cavour striscione contro due giornalisti

Nel mirino due cronisti del Corriere dello Sport e della Gazzetta dello Sport. Solidarietà dall'Associazione della Stampa di Puglia: "Individuare i responsabili"

Foto dal sito Solobari.it

'Guido e Cirici sciacalli', firmato 'F.L.': è la scritta riportata su uno striscione esposto nella notte sulla ringhiera del ponte di corso Cavour. Nel mirino degli anonimi autori dello striscione due giornalisti sportivi, Antonio Guido del Corriere dello Sport e Franco Cirici della Gazzetta dello Sport, finiti al centro delle polemiche dei tifosi nei giorni scorsi per quanto detto in merito alla trattativa tra i Matarrese e Montemurro per la cessione dell'AS Bari. L'episodio avviene tra l'altro in una settimana cruciale, che potrebbe portare, tra sabato e domenica, infatti, allo snodo decisivo.

L'episodio è stato condannato dall'Associazione della Stampa di Puglia che ha espresso in una nota solidarietà ai due colleghi, "volgarmente e pesantemente insultati da un gruppo di sedicenti tifosi dell'As Bari". "In uno striscione appeso nella notte sul ponte di corso Cavour e rimosso nel corso della mattinata, i due giornalisti - prosegue il comunicato - sono stati definiti "sciacalli" da un gruppo di sostenitori organizzati identificato dalla sigla "F.L.". A questi presunti tifosi non è andato giù che i due giornalisti abbiano dato spazio, rispettivamente sul Corriere dello Sport e sulla Gazzetta dello Sport, ad alcune dichiarazioni dell'allenatore dell'As Bari, Vincenzo Torrente. Il sindacato dei giornalisti pugliesi chiede alle autorità preposte di far luce sull'accaduto e di identificare gli autori di tale azione denigratoria e intimidatoria, segnalandoli all'autorità giudiziaria. E' inoltre necessario e urgente far cessare anche le manifestazioni di odio e di intolleranza nei confronti dei due cronisti e di altri giornalisti, in corso su alcuni siti web e social forum collegati ad alcune frange del cosiddetto tifo organizzato. I giornalisti hanno il diritto-dovere di informare e di pubblicare le notizie, anche quelle sgradite a coloro che credono di fare della passione sportiva una professione remunerata, calpestando le ragioni dei tifosi veri e il diritto di tutti i cittadini di essere correttamente informati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trattative Matarrese-Montemurro, sul ponte di corso Cavour striscione contro due giornalisti

BariToday è in caricamento