Giocattoli e articoli elettrici contraffatti, maxi sequestro della Finanza

Oltre 13mila articoli sui quali era stato apposto il marchio contraffatto di note case produttrici sequestrati dalla Guardia di Finanza in un negozio a Carrassi. Denunciato il titolare, un cittadino cinese

Più di 13.000 articoli tra orologi, giocattoli, apparecchi elettrici ma anche occhiali da vista, messi in vendita con il marchio contraffatto di note case produttrici. A scoprire la truffa, del valore di oltre 110 milioni di euro, gli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza.

Ad operare la contraffazione era lo stesso titolare del negozio, un cittadino cinese, che provvedeva ad apporre sulle merci etichette adesive con i dati identificativi delle presunte ditte produttrici ed il falso marchio "CE", in modo da trarre in inganno gli ignari acquirenti. La merce contraffatta è stata sequestrata, mentre il negoziante è stato denunciato all'autorità giudiziaria.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

  • Le Frecce Tricolori arrivano a Bari. Sorvolo in mattinata, la Prefettura: "Evitate gli assembramenti"

Torna su
BariToday è in caricamento