Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Polignano a Mare

Costa Ripagnola, Serim replica ai comitati: "Accuse ridicole, ora azioni legali"

La società alle affermazioni fatte dai rappresentanti dei comitati contrari ai ai lavori nel corso di una conferenza stampa: "Argomentazioni inesistenti e fantasiose"

"Il disperato tentativo di alcuni personaggi di attaccare un progetto regolare e rispettoso della salvaguardia ambientale con argomentazioni inesistenti e fantasiose, sta facendo sciogliere come la neve al sole il teorema del nulla. Non sapendo come cercare di suggestionare l’opinione pubblica e le istituzioni, questo partito di interessi estraneo a Polignano continua a spararne una dopo l’altra".

Così la Serim, la società che cura il progetto di riqualificazione di Costa Ripagnola, dove è prevista la creazione di una struttura alberghiera diffusa, replica alle affermazioni fatte questa mattina nel corso di una conferenza stampa dai rappresentanti dei comitati che si oppongono ai progetti.

"L’ultima trovata dell’accatastamento - che non c’entra nulla con l’iter ma ha tutt’al più una valenza di natura fiscale naturalmente a scapito del proprietario dei suoli gravato da maggiori oneri - dimostra ancora una volta incompetenza e mala fede - si legge in una nota diffusa dalla società - A tal proposito si aggiungono i ripetuti e falsi riferimenti a lottizzazioni inesistenti. Se queste sono le argomentazioni per mettere in discussione un progetto munito di tutte le autorizzazioni - che in uno stato di diritto merita rispetto più delle illazioni - la Serim sarà ben lieta di confutarle nelle sedi opportune dove valgono le norme e non i manifesti o le desolanti autocelebrazioni. Serim ha dato altresì mandato ai suoi legali avv. Giuseppe Chiaia Noya e Adriano Garofalo di valutare ogni opportuna azione per i danni già arrecati da questa campagna denigratoria i cui fini sono squisitamente politici e a difesa di interessi personali di pochi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costa Ripagnola, Serim replica ai comitati: "Accuse ridicole, ora azioni legali"

BariToday è in caricamento