Fratelli d'Italia lancia il percorso verso le Comunali 2019: "Nome unitario nel Centrodestra, altrimenti le Primarie"

Il neo-deputato Marcello Gemmato prima della Conferenza programmatica in un hotel cittadino: "Accordo entro l'estate tra i vari partiti della coalizione, oppure scelga il popolo del centrodestra"

"Trovare attraverso un tavolo politico un candidato unitario" entro l'estate, altrimenti le Primarie dipaneranno la matassa in autunno: il percorso per la scelta del nome del centrodestra alle prossime Comunali 2019 a Bari guarda a due scenari, come spiegato da Fratelli d'Italia che in un hotel cittadino ha convocato per oggi la conferenza programmatica aperta ai coordinatori e agli esponenti più in vista del partito in Puglia, che ha visto la presenza, tra gli altri, del coordinatore nazionale del Dipartimento Organizzazione, l'onorevole Francesco Lollobrigida e di parlamentari e candidati pugliesi alle recenti amministrative, tra cui il neo-deputato Marcello Gemmato.

Il percorso verso le Comunali '19

L'ipotesi di far convergere il sostegno di tutto il centrodestra (fi, Fdi, Lega, Nci e civiche) su un'unico nome, magari esterno ai partiti, potrebbe avere un termine, quello, appunto, dell'estate, per poi lasciare spazio alle Primarie. L'ipotesi piace anche a Lega e alle prime Civiche già in campo, meno a Forza Italia. Il rischio, però, è quello di rivedere di nuovo i 'fantasmi' dei fallimenti con Lobuono nel 2009 e Di Paola nel 2014, due candidature quasi dell'ultimo minuto che hanno lasciato spazio, con grande facilità, prima all'Emiliano Bis e poi al primo Decaro: "La proposta delle Primarie - spiega l'onorevole Gemmato - ci viene orizzontalmente da parte di tutti i consiglieri comunali. Potrebbe anche essere un metodo giusto per le Regionali 2020. Il centrodestra, unito, vince. Se ci abbandoniamo ai personalismi e alle divisioni, lasciamo campo al Pd o al pressapochismo dei Cinquestelle". A tal proposito, i recenti sviluppi di governo tra i Pentastellati e i Democratici, non piacciono a Fratelli di'Italia: "Un governo tra i secondi e i quinti classificati - dice Francesco Lollobrigida - sarebbe un vulnus per la democrazia. Attendiamo. Se non si riuscisse a formare un governo si dovrebbe rivotare ma con una legge elettorale diversa, senza aspettarci poi accordicchi di palazzo che in passato non hanno prodotto nulla di buono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento