Politica

Sanità: cancellata l'esenzione ticket per cassintegrati e disoccupati a basso reddito

La cancellazione dell'esenzione dal ticket per le visite specialistiche, decisa ieri dal consiglio regionale, è legata alla necessità di rispettare l'impegno assunto dalla Regione Puglia con il Governo per il Piano di rientro 2010-2012 dal deficit del sistema sanitario pugliese

Nessuna esenzione per le visite e gli esami specialistici in Puglia. Lo ha deciso ieri il consiglio regionale votando ddl di abrogazione dei commi 1 e 2 dell'art.13 della legge regionale di bilancio per il 2011. La cancellazione di ogni tipo di agevolazione relativa al pagamento del ticket sanitario è una necessità legata al rispetto del piano di rientro  2010-2012 dal deficit del sistema sanitario pugliese, concordato dalla Regione con il governo nazionale.

In conseguenza del provvedimento adottato ieri, perdono il diritto all'esenzione i lavoratori in mobilità, quelli in cassa integrazione ordinaria e straordinaria  e gli inoccupati con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31, incrementato fino a 11.362,05 in presenza del coniuge e di 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Continuano, invece, a usufruire dell’esenzione, in base a quanto previsto dalla legislazione nazionale, i bambini di età inferiore a 6 anni e gli ultra65enni con un reddito familiare complessivo fino a 36.151,98; disoccupati e titolari di pensioni al minimo ultra60enni con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31, incrementato fino a 11.362,05 in presenza del coniuge e di 516,46 euro per ogni figlio a carico e titolari di pensione sociale.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: cancellata l'esenzione ticket per cassintegrati e disoccupati a basso reddito

BariToday è in caricamento