Politica

Spending review e tagli all'Università, Petrocelli: "Uno schiaffo ai giovani"

Il rettore dell'Ateneo barese sul provvedimento al vaglio del governo, che prevede anche un taglio di 200 milioni di euro nei fondi per la scuola e l'università

L'ennesimo taglio previsto dalla spending review del governo Monti non va proprio giù al mondo dell'Università. Ieri a Bari gli studenti hanno già annunciato proteste e manifestazioni, mentre oggi a criticare apertamente il provvedimento è lo stesso rettore dell'Università, Corrado Petrocelli.

"L'ultimo taglio di 200 milioni e' insopportabile, e' uno schiaffo non al sistema universitario ma nei confronti dei giovani e del Paese". Per il rettore dell'Ateneo barese si tratta di un "provvedimento antieuropeo", in controtendenza rispetto a quanto sta avvenendo nel resto dell'Ue, e che va contro gli interessi dello stesso paese.

"Il nostro Paese - ha affermato il Rettore - non ha perso l'abitudine di dare vita a dei tagli lineari in quei settori nei quali, unici, gli altri settori europei hanno investito".

"E' il primo esempio di spending review - ha sottolineato Petrocelli - in cui ho visto che ci sono tutta una serie di segni meno, come e' giusto che ci sia perche' si tratta di tagli alle spese, e un segno piu', guarda caso perfettamente corrispondente alla cifra che e' stata tolta al sistema universitario". "Noi abbiamo ampiamente dato" in questi anni con i tagli, e "sono tre anni che il nostro sistema ha perso piu' di 1 miliardo e mezzo - ha continuato - vorrei che mi spiegaste qual e' l'altro comparto dell'intera Pubblica Amministrazione che viene valutato come l'Universita'. Vorrei vedere i processi di valutazione degli altri settori". "Questo taglio - ha concluso - e' evidentemente un'azione che diventa incomprensibile".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spending review e tagli all'Università, Petrocelli: "Uno schiaffo ai giovani"

BariToday è in caricamento