menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tribunale del Lavoro a rischio trasferimento, Decaro: "A giorni incontrerò il prefetto"

il Consiglio comunale approva, all'unanimità, la risoluzione presentata dal centrodestra con cui si impegna il primo cittadino a trovare una soluzione. Possibile aiuto dall'Agenzia del Demanio?

Il Consiglio comunale di Bari ha approvato all'unanimità (28 voti su 28) la risoluzione urgente presentata da quattro consiglieri del Centrodestra (Carrieri, Finocchio, Melchiorre e Romito) per impegnare il sindaco Antonio Decaro ad attivarsi con il Ministero della Giustizia e il Tribunale del capoluogo con l'obiettivo di evitare il trasferimento della sezione Lavoro a Modugno, ipotizzato nei giorni scorsi. Il primo cittadino, intervenendo in aula, ha confermato che nei prossimi giorni vi sarà un incontro con il prefetto Marilisa Magno per organizzare un confronto con l'Agenzia del Demanio: "Quest'ultima - ha spiegato Decaro in aula - potrebbe mettere a disposizione alcuni immobili anche predisponendo direttamente dei lavori di adeguamento. Sul fronte dell'amministrazione giudiziaria abbiamo una linea ben precisa, quella di collocare, in futuro, tutte le sedi in un unico polo".

Il centrodestra ha chiesto dunque al primo cittadino di agire in tempi brevi: "La Città di Bari in nessun modo - affermano in una nota Carrieri, Finocchio, Melchiorre e Romito -  può permettersi di veder dislocato a Modugno il Tribunale del Lavoro e da tempo stiamo sollecitando il sindaco a prendere decisamente posizione contro tale improvvida scelta. Bari ha peraltro innumerevoli edifici pubblici in disuso che (con idonee ristrutturazioni) ben potrebbero essere dedicati a sedi giudiziarie Tanto, in attesa che si abbia una strategia, un’idea, una visione su come risolvere definitivamente le gravi problematiche dell’edilizia giudiziaria barese che da 13 anni, i Sindaci Emiliano e Decaro non hanno inteso risolvere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento