rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

La città e i fedeli riabbracciano gli ori di San Nicola, la festa in Basilica a Bari Vecchia: "Grande gioia"

L'evangeliario con le tre sfere d'argento, la medaglia con la fiala contenente la sacra manna e un anello sono stati restituiti, questa mattina, nel corso di un'intensa cerimonia alla quale hanno preso parte le autorità religiose e civili del capoluogo

Commozione, gioia e devozione popolare: la città di Bari riabbraccia gli ori della statua di San Nicola, rubati nella notte tra il 21 e il 22 marzo scorsi, ritrovati cinque giorni dopo grazie all'incessante lavoro di Polizia di Stato e Procura. L'evangeliario con le tre sfere d'argento, la medaglia con la fiala contenente la sacra manna e un anello sono stati restituiti, questa mattina, nel corso di un'intensa cerimonia in Basilica, momento conclusivo di una settimana che la città di Bari non aveva mai visto, con la statua del Patrono violata e sfregiata per la prima volta a memoria d'uomo. Per il furto degli oggetti, ritrovati in un casolare nel quartiere Japigia, è stato arrestato un 49enne di origini tunisine, Farid Hanzouti.

La cerimonia in Basilica: la diretta social

Gli ori di San Nicola rubati tornano in Basilica

Stamane le autorità, sul sagrato del tempio nicolaiano, hanno ricevuto gli ori dagli agenti schierati con le auto sulla piazza: i tre preziosi ornamenti sacri, collocati su cuscini rossi, sono stati affidati nelle mani di un commosso padre Giovanni Distante, rettore della Basilica di San Nicola, affiancato dai padri domenicani e dalle autorità cittadine. Accanto al rettore vi erano il sindaco Antonio Decaro, la prefetta Antonia Bellomo, il questore Giuseppe Bisogno e il procuratore della Repubblica, Roberto Rossi. Tutt'attorno, invece, semplici cittadini di Bari Vecchia, turisti e devoti che hanno vissuto con partecipazione il momento della restituzione.

La cerimonia si è poi spostata all'interno della Basilica, dove padre Distante e i frati hanno collocato, tra preghiere, applausi e canti dei fedeli, i cuscini con gli ori nella teca dove è custodita la statua del Santo: "E' una grande gioia - ha spiegato padre Distante - e viviamo una grande commozione. Un sentimento vero che il popolo di Bari nutre per il santo patrono. San Nicola viene dall'Oriente ma Bari ha sempre saputo guardare all'Oriente grazie a San Nicola. Stiamo pregando per il nostro Vicino Oriente". Il rettore della Basilica ha voluto ringraziare gli agenti e tutti coloro che hanno permesso il ritrovamento degli ori:"Chi vive qui sa che anche se appartiene alle Forze dell'ordine deve entrare in merito a questo connubio tra Bari e San Nicola. La Polizia di Stato l'ha sentito e ha lavorato per rinsaldare questi valori".

Felice anche il sindaco Antonio Decaro, alla sua prima uscita dopo essersi negativizzato dal Covid: "Gli ori ritrovati, più che un valore economico ne hanno uno ideale. Simboli sui quali  la nostra città ha costruito la propria identità tra messaggi di pace e fratellanza. Abbiamo voluto ringraziare le Forze dellì'Ordine e la magistratura che con dedizione accompagnano, proteggendole, la nostra comunità e la nostra città. Padre Giovanni ha richiamato la 'Felice Bari", terra di San Nicola "e speriamo che questa felicità possa travalicare i confini. Spero sia un buon presagio, nonché un buon auspicio quelle persone che stanno soffrendo" ha concluso il sindaco. E al termine della cerimonia, tra scatti e video di chi ha voluto immortalare un momento in qualche modo storico per la comunità cittadina, una donna anziana ha intonato 'Sanda Necòle va pe mmàre", rimarcando quel legame secolare, spontaneo e indissolubile tra il Patrono e la gente del borgo antico. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città e i fedeli riabbracciano gli ori di San Nicola, la festa in Basilica a Bari Vecchia: "Grande gioia"

BariToday è in caricamento