Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Carrassi

Ex caserma Rossani, dalla Regione sì alla mediateca pubblica

L'assessore al Territorio Barbanente si dice favorevole alla proposta di riqualificazione lanciata nei giorni scorsi da alcuni esponenti locali del Pd che prevede la creazione di una mediateca nell'area dell'ex caserma

Sì ad una mediateca pubblica all'interno dell'ex caserma Rossani. L'assessore regionale al Territorio, Angela Barbanente, accoglie positivamente la proposta lanciata alcuni giorni fa dalle responsabili regionale e provinciale della Cultura del PD, Patrizia Calefato e Annalia Solimini.

"Il PD pugliese - avevano scritto calefato e Solimini in una nota diffusa la settimana scorsa - ha messo a disposizione di cittadini e istituzioni la proposta di ospitare nella ex Rossani una grande Mediateca della Puglia, pubblica, articolata e aperta, dotata di tecnologie e di strutture fruibili da tutti, in grado di promuovere la cultura, l’arte e la lettura come beni comuni. Sarebbe un’ occasione che potrebbe fare di Bari una città europea che dimostra di avere il coraggio di vedere nella cultura e nell’innovazione i fattori per il proprio sviluppo e rilancio economico". 

La proposta,  secondo Barbanente, "conferma la validità dell’idea di “polo culturale all’interno di un parco urbano attrezzato” sulla quale si fonda il protocollo di intesa (quello tra Regione e Comune per il finanziamento della riqualificazione, ndr). Ed è anche coerente con l'idea contenuta nello stesso protocollo di realizzare nella vasta area della Rossani un sistema dedicato alla produzione artistica, creativa e culturale".

"In un’epoca nella quale i confini fra linguaggi culturali e artistici si fanno sempre più labili e si richiede grande flessibilità nell’uso degli spazi - prosegue l'assessore - occorre lavorare per l’integrazione fra diversi campi della cultura rafforzando la capacità di collaborazione fra istituzioni pubbliche, piuttosto che operare in base a logiche di separatezza o addirittura di contrapposizione come spesso è accaduto in passato. Il bene comune non si raggiunge coltivando il proprio orticello. E peraltro, in tempi di risorse scarse, vi è il rischio che le piante avvizziscano in ogni singolo orto”.

Il riferimento implicito dell'assessore è alla notizia, comparsa sulla stampa locale e commentata pubblicamente da Barbanente attraverso una nota nei giorni scorsi, secondo la quale il sindaco Emiliano sembrava intenzionato a procedere alla riqualificazione dell'ex caserma rinunciando al finanziamento di 13 milioni di euro messo a disposizione dalla Regione. Un'intenzione finora non confermata ufficialmente dal Comune, anche se, nonostante l'accordo tra i due enti per il finanziamento risalga ormai a dicembre, la firma del Protocollo di Intesa, annunciata di lì a poche settimane, non c'è ancora stata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex caserma Rossani, dalla Regione sì alla mediateca pubblica

BariToday è in caricamento