rotate-mobile
Cronaca Bari Vecchia / Piazza Libertà

Restauro Piccinni, Tar respinge ricorso della ditta seconda classificata. Il Comune: "Ora contratto per i lavori"

La decisione del tribunale amministrativo pugliese, che ha ritenuto inammissibile il ricorso, consentirà di l'avvio degli interventi previsti nel secondo stralcio, aggiudicati lo scorso maggio alla Edilc.Co.Srl

Il Tar dice no al ricorso indetto dall’ATI seconda classificata nella gara d’appalto per i lavori del secondo stralcio del Teatro Piccini. I giudici del tribunale amministrativo pugliese, in data 28 dicembre, hanno giudicato inammissibile il ricorso, pronunciando così una sentenza che consentirà di sbloccare finalmente il cantiere per il completamento del restauro.

A renderlo noto è il Comune di Bari, i cui uffici potranno adesso istruire tutte le pratiche con l’azienda già aggiudicataria in via definitiva dell’appalto (la Edilc. Co. Srl) per poi procedere con la contrattualizzazione e il successivo avvio dei lavori di restauro. 

Il cantiere, che sarebbe dovuto partire a giugno scorso, di fatto è fermo da mesi, proprio in attesa del pronunciamento del Tar. 

"Questa è una bella notizia per il Comune di Bari e per la città intera - commenta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso - Questa sentenza, ci auguriamo, ci permetterà di ripartire con il cronoprogramma dei lavori di restauro del secondo stralcio del Teatro Piccinni e di mantenere con i cittadini l’impegno di riconsegnare il politeama entro la fine del nostro mandato, fruibile e funzionante, anche se con una capienza limitata di pubblico. Siamo, inoltre, già al lavoro per la definizione del terzo e ultimo stralcio degli interventi che completeranno il restauro, compatibilmente con l’individuazione di circa 2 milioni di euro che occorreranno per l’esecuzione". 
 

Recupero Teatro Piccinni, il nuovo palcoscenico e la sala da restaurare

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restauro Piccinni, Tar respinge ricorso della ditta seconda classificata. Il Comune: "Ora contratto per i lavori"

BariToday è in caricamento