menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni Politiche 2018, si rinnovano Camera e Senato: come si vota

Con la consultazione del 4 marzo debutta il nuovo sistema Rosatellum che suddivide l'Italia in collegi maggioritari e proporzionali: ecco come funziona

Le prossime elezioni di domenica 4 marzo segneranno il debutto del nuovo sistema elettorale denominato Rosatellum, approvato dal Parlamento qualche mese fa. Si tratta di un misto tra Maggioritario e proporzionale che prevede la creazione di collegi con i quali è stato suddiviso il territorio nazionale: con la prima modalità verranno eletti circa il 36% dei parlamentari, con la seconda il restante 64%

La differenza tra collegi maggioritari e proporzionali

Con il sistema maggioritario in ciascun collegio viene eletto un solo candidato: quello che ottiene più voti. Con il sistema proporzionale a ciascuna lista o coalizione di liste sono assegnati i seggi in proporzione ai voti ottenuti, calcolati a livello nazionale e poi redistribuiti nelle singole circoscrizioni territoriali. Ogni candidato che concorre con sistema maggioritario è identificato sulla scheda elettorale perché il suo nome è scritto dentro un rettangolo che non presenta simboli ed è collocato in alto rispetto alla lista o alle liste collegate. Ogni lista o coalizione di liste è collegata a un solo candidato. Con il sistema maggioritario sono assegnati 232 seggi alla Camera e 116 seggi al Senato. L'assegnazione dei restanti seggi del territorio nazionale (386 alla Camera e 193 al Senato) avviene con il metodo proporzionale in collegi plurinominali.

Chi può votare e come si vota

Per l’elezione della Camera possono votare i cittadini che alla data di domenica 4 marzo hanno compiuto diciotto anni; per l’elezione del Senato possono votare i cittadini che alla data di domenica 4 marzo hanno compiuto il venticinquesimo anno di età. Per l’elezione della Camera dei deputati la scheda è rosa. Per l’elezione del Senato della Repubblica la scheda è gialla. Ciascuna scheda (in un rettangolo) ha il nome e il cognome del candidato nel collegio uninominale. Nel rettangolo o nei rettangoli sottostanti, sono riportati il simbolo della lista o delle liste, collegate al candidato uninominale, con a fianco i nomi e i cognomi dei candidati (da un minimo di 2 a un massimo di 4) nel collegio plurinominale, secondo il rispettivo ordine di presentazione. L’elettore potrà votare apponendo un segno sulla lista prescelta e il voto si estenderà anche al candidato uninominale collegato; oppure potrà apporre un segno su un candidato uninominale e il voto si estenderà alla lista o alle liste collegate in misura proporzionale ai voti ottenuti nel collegio da ogni singola lista. Il voto è valido anche se si appone il segno sia sul candidato uninominale che sulla lista o su una delle liste collegate; non è possibile il voto disgiunto, cioè votare un candidato uninominale e una lista collegata a un altro candidato uninominale. E’ vietato scrivere sulla scheda il nominativo dei candidati e qualsiasi altra indicazione

DOCUMENTI VALIDI PER IL VOTO: QUALI SONO

RILASCIO/RINNOVO DELLA TESSERA ELETTORALE: DOVE E QUANDO

CHE COSA E' LA SCHEDA ANTIFRODE E COME FUNZIONA

ACCOMPAGNAMENTO AI SEGGI PER I DIVERSAMENTE ABILI: TUTTE LE INFO

TUTTE LE LIMITAZIONI E I DIVIETI DI SOSTA


CAMERA E SENATO | TUTTI I CANDIDATI NEI COLLEGI BARESI

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento