rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Politica

Gestione Covid in Puglia e inchieste, davanti all'ospedale in Fiera la protesta di Fratelli d'Italia: "Emiliano dimettiti"

Il flash mob organizzato da FdI e Gioventù Nazionale "per denunciare il sistema di corruttela che sta emergendo in tema di sanità", in riferimento all'inchiesta che coinvolge l'ex capo della Protezione civile: "Inaccettabile il silenzio del presidente della Regione e del Pd"

Un flash mob davanti all'ospedale Covid alla Fiera del Levante, "per denunciare il sistema di corruttela che sta emergendo in tema di sanità e Covid in Puglia con gli arresti di questi giorni", e chiedere le dimissioni del presidente della Regione, Michele Emiliano. A dar vita alla protesta, questa mattina, gli esponenti di Fratelli d'Italia e Gioventù nazionale.

A prendere parte all'iniziativa, insieme agli esponenti locali di Fdi, il presidente di Gioventù Nazionale Puglia Andrea Piepoli, anche Marcello Gemmato, deputato di FdI, che ha spiegato le ragioni della manifestazione, richiamando la recente inchiesta sulle presunte tangenti intascate dall'ormai ex capo della Protezione civile pugliese, Mario Lerario: "Il nostro forte plauso va alla magistratura, alla quale chiediamo di andare fino in fondo. Le indagini purtroppo ci iniziano a dimostrare quanto noi sospettavamo", ha detto Gemmato. "Abbiamo alle nostre spalle - ha aggiunto l'esponenente di FdI riferendosi all'ospedale Covid - una cattedrale mel deserto. Un ospedale costruito inizialmente per soli 14 posti in terapia intensiva, il cui costo è lievitato da 7,5 milioni di euro a 20 milioni di euro, per il quale un pubblico paga a un privato 130mila euro al mese di fitto". "Noi abbiamo sentito - ha detto ancora Gemmato attaccando il governatore - da parte di Michele Emiliano e del Pd una levata di scudi, non c'è stata una conferenza stampa per spiegare ai pugliesi cosa sta avvenendo. Questo silenzio ci convince ancora di più del fatto che si debbano chiedere le dimissioni di Emiliano perché politcamente la responsabilità è ascrivibile e ha un nome: Michele Emiliano".

Gemmato ha ricordato anche la richiesta, avanzata da Fratelli d'Italia ma mai accolta, di istituire una commissione d'inchiesta sulla gestione Covid in Puglia: "In altre regioni, dove noi governiamo, è stato fatto, noi lo chiedevamo in Puglia e ci è stato detto di no. Anche rispetto a questo noi non possiamo non far levare forte il nostro grido di sdegno".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione Covid in Puglia e inchieste, davanti all'ospedale in Fiera la protesta di Fratelli d'Italia: "Emiliano dimettiti"

BariToday è in caricamento