menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domenico De Santis escluso dal Consiglio regionale, ricorso al Tar: "Errata ripartizione dei seggi"

L'ex consigliere di Emiliano in area Pd contesta anche l’errata considerazione da parte dell’ufficio centrale regionale dei voti attribuiti alle liste sotto soglia

Domenico De Santis presenta ricorso al Tar dopo l'esclusione dal Consiglio regionale pugliese. L'ex consigliere del presidente della Regione (in area Pd) contesta il procedimento di attribuzione dei seggi dell'Ufficio elettorale centrale nella Corte di Appello di Bari e la sua interpretazione della legge elettorale nelle consultazioni del 20 e 21 settembre scorso, che di fatto lo hanno visto fuori dal parlamentino pugliese nonostante i 16milla voti ottenuti.

Nuovo Consiglio regionale: gli eletti

Nel ricorso presentato da De Santis, assistito dagli avvocati Pierluigi Balducci e Pietro Augusto De Nicolo e dal professor Saverio Sticchi Damiani, si rilevano i presunti errori dell’ufficio centrale regionale della Corte di Appello che hanno portato all’esclusione del rappresentante dem dal Consiglio. In particolare due i punti su cui si chiede la revisione della decisione dei giudici: l’errato scorrimento della graduatoria delle circoscrizioni per l’assegnazione dei seggi con i voti residuati per cui in sede di attribuzione dei seggi con i voti residuati relativi alla parte maggioritaria sono state erroneamente riconteggiate le circoscrizioni Bat e Taranto per le quali già erano stati attribuiti i seggi per i resti della parte proporzionale; e l’errata considerazione da parte dell’ufficio centrale regionale dei voti attribuiti alle liste sotto soglia, che non avevano superato lo sbarramento del 4%, nella determinazione della cifra elettorale delle coalizioni in sede di attribuzione dei seggi nella parte maggioritaria. "Correggendo questi due errori – spiega l’avvocato Balducci - risulterebbero attribuiti alla circoscrizione di Bari, lista Pd, quattro seggi e quindi risulterebbe eletto Domenico De Santis. In subordine – prosegue l’avvocato – è stata rilevata anche la possibile fondatezza dei calcoli del Ministero dell’Interno (27 seggi di maggioranza) anche in questo caso sarebbero attribuiti quattro seggi PD alla circoscrizione di Bari confermando l’elezione di De Santis".

Con l’esclusione di Domenico De Santis dal Consiglio Regionale pugliese la città di Bari ha perso l’unico consigliere Pd eletto nel capoluogo - si legge in  una nota - Domenico De Santis, classe 1982, era risultato eletto all’indomani del voto secondo i conteggi del ministero dell’Interno, era il quarto eletto Pd del collegio di Bari alle spalle di Francesco Paolicelli (di Altamura), Anita Maurodinoia (di Triggiano) e Lucia Parchitelli (di Noci). E invece qualche giorno dopo il già consigliere di Michele Emiliano, che nel corso della prima legislatura del presidente dem si è occupato di alcune delle vertenze più spinose in piedi nel tacco d’Italia, ha perso il suo seggio. L’ufficio elettorale centrale con una diversa ripartizione dei voti nella coalizione di centrosinistra ha contemporaneamente allargato la maggioranza per Emiliano a 29 (15 al Pd, 7 alle altre due liste Con e Popolari). I 15 seggi del Pd sono stati a loro volta ripartiti con 3 posti per Bari, Bat e Taranto e due per le altre circoscrizioni facendo così saltare il posto di De Santis, come quello di Sergio Blasi, in favore di Michele Mazzarano (PD) e Peppino Longo (Con). "In queste settimane ho ragionato molto sul da farsi - spiega De Santis -. Sono stati i miei elettori alla fine a spingermi a presentare questo ricorso. Sono il settimo consigliere più votato di tutti gli eletti in Consiglio e di tutti i partiti e devo rispondere innanzitutto ai cittadini che mi hanno scelto per essere la loro voce in consiglio. In attesa della decisione del Tar continuerò ad impegnarmi per il nostro territorio. L’elezione in Consiglio regionale per me non significa occupare una poltrona ma mettermi al servizio delle cittadine e dei cittadini della nostra regione. Senza distinzioni, come ho sempre fatto. E come continuerò sempre a fare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento