rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Calcio

Caos Bari, gli ultras: "Finale di stagione rovente. Stringiamoci e difendiamo la categoria" 

Il tifo organizzato biancorosso ha diramato un comunicato dopo l'esonero di Iachini, invitando l'ambiente ad essere unito per scongiurare la retrocessione

Sono giorni difficili in casa Bari. Il club biancorosso dopo la sconfitta di Como ha optato per il terzo esonero stagionale, sollevando dall'incarico Beppe Iachini e affidando la prima squadra a Federico Giampaolo, precedentemente tecnico della Primavera.

La squadra non vince da otto partite nelle quali ha conquistato appena due punti e ora è in zona play-out al sedicesimo posto in classifica quando mancano cinque giornate al termine della stagione regolare. Lo spettro della retrocessione aleggia sui Galletti che non possono permettersi ulteriori passi falsi sul piano dell'atteggiamento e dei risultati.

Si è fatto sentire anche il tifo organizzato che ha diramato un comunicato diffuso sulla pagina del gruppo "Seguaci della Nord", invitando l'intero ambiente biancorosso a compattarsi per arrivare alla salvezza. Questo il testo della nota:

Senza troppi giri di parole, ci ritroviamo in una situazione assurda e surreale figlia di una gestione approssimativa che contestiamo da mesi a seguito di silenzi, dichiarazioni e atteggiamenti sbagliati. Sul banco degli imputati, tutti i componenti della società, la squadra e gli allenatori che si sono avvicendati sulla panchina. Non si salva nessuno:
- La presidenza, espressione di questo cancro chiamato Multiproprietà (ricordiamo: non siamo secondi a nessuno)
- Il DS, che ha sempre esternato dichiarazioni di circostanza che i fatti hanno puntualmente smentito. Ingaggio di calciatori non idonei alla causa Bari con un mercato basato sul risparmio ma non per questo esente da colpe.
- La squadra, che oltre ad aver reso la vita difficile ai tre allenatori fin qui bruciati, ha sfoderato prestazioni scadenti.
Il clima di contestazione e pressione, purtroppo, non ha dato gli effetti sperati,  sebbene attaccamento e partecipazione da parte nostra non siano mai mancati (basta vedere le presenze in casa e fuori). Ora chi scende in campo avrà l'obbligo di lottare: su ogni pallone, da ULTRAS e senza mezzi termini. Chi non crede, si può fare da parte.

Ai tifosi da tastiera e soprattutto ai giornalisti  diciamo: basta disfattismo. Ci sono ancora 15 punti. Dobbiamo salvarci. Cerchiamo di mettere un punto e ripartire con una narrazione diversa. Ricordate: le vostre "penne", le vostre tastiere, le vostre parole pesano come macigni sull'umore di una piazza che sa dare così come sa togliere, ma passionale come poche in Italia.

Adesso abbiamo il dovere di mettere da parte il rancore e di cercare di fare il possibile per salvare la categoria. Fa male dirlo, ma non abbiamo scelta: se proprio dobbiamo retrocedere, dobbiamo farlo con la consapevolezza e la dignità di aver dato tutto sugli spalti e fino all'ultimo secondo.

Da qui alla fine, bisogna provarci, bisogna cantare e sostenere maglia e città. Sostenere.

Basta fischi e lamentele al primo passaggio sbagliato. Ci aspetta un finale di stagione rovente: stringiamoci. Difendiamo la categoria. 

Bari siamo noi e qui non c'è più posto per chi crede che la serie B per Bari sia "motivo di vanto" o possa prendere per il culo la città!

Gli stessi, che vedono il calcio solo come un business, ignorandone sentimenti, passioni, campanili. Ignoriamoli, cantando più forte. A fine stagione, tireremo le somme. Presidente, direttore e calciatori sono di passaggio, NOI...ci saremo sempre.

Nel nome di Bari, avanti vecchia stella del sud!
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos Bari, gli ultras: "Finale di stagione rovente. Stringiamoci e difendiamo la categoria" 

BariToday è in caricamento